Covid-19, ovvero della cartina tornasole del nostro Paese

di Trinità Dei Monti - 15 Luglio 2020

from Rome, Italy

Il virus, sicuramente una tragedia che il mondo della scienza già da tempo ci aveva annunciato. Ma anche, un’occasione straordinaria che ci restituisce una fotografia perfetta di quello che siamo.
E’ molto probabile che l’Italia diventi un benckmark, in ogni caso.
Per la fase 1, un caso di eccellenza: la gestione di una crisi a cui non eravamo preparati ad opera di un SSN che tutti noi abbiamo sempre criticato per la sua incorreggibile disorganizzazione, il depauperamento costante delle risorse, la corruzione dilagante, ma che comunque ha tenuto. E questo è un dato oggettivo. Infatti, mentre in questo momento, in Italia parliamo di decine di morti al giorno, negli altri paesi del mondo, dove l’ignoranza e la mancanza di rispetto e considerazione per le indicazioni della scienza costituiscono il “brodo di coltura” dell’azione politica, assistiamo a migliaia di morti al giorno.
Per la fase 2, un worst case. Siamo sempre noi, i soliti italiani, carnefici e vittime della nostra burocrazia kafkiana costruita ad arte per contrastare la cultura della “smazzettatura” e del “ce ne freghiamo delle regole” con la quale la generazione del boom economico ha distrutto l’Italia negli anni.
In una crisi come questa, ciò che serviva erano flussi decisionali snelli in grado di scaricare a terra rapidamente la concretezza delle misure.
Ed invece, le trappole burocratiche che abbiamo costruito negli ultimi 50 anni di storia, per contenere l’italica propensione alla corruzione, sono diventate la tomba per moltissimi italiani che non sono stati supportati e se lo sono stati, con ritardo esiziale.
Covid19, ovvero della brutale restituzione di ciò che siamo stati e, per questo motivo, di ciò che non riusciamo ad essere, ora.

Buona lettura

Cristiana Montani Natalucci

Direttore Responsabile della Newsletter
Think Tank Trinità dei Monti

Autore